Tour audio

Tour audioAspetto

Seulement en Italien

Qual era l’aspetto di questo personaggio? Come sempre non ne usciamo fuori con un’immagine nitida, ma invece con versioni contrastanti.

“E lui, questo Baffardello, era un ometto così piccolino, vestito di rosso, un cappellino rosso, andava e prendeva queste pecore”, quindi l’aspetto tradizionale del folletto, quello più diffuso. Ma poi compare un “peloso a toccarlo”, o “Il Baffardello era un animaletto che arrivava di notte”, “che dormiva sotto i letti”, forse “uno spirito”.

“Il Baffardello? Era una persona, un uomo che si mascherava di notte e poi andava in qua e là così per le strade e dicevano che era il Baffardello. Era un uomo travestito, io l'ho sempre sentito dire così poi”

“Il Baffardello esiste sul serio, è un animaletto nero così, che ha la coda… sembra uno scoiattolo. Per lo più sta nella stalla dove ci son le mucche e gli piace stare sulla coda, si mette nella coda della mucca e le imboga tutte”

“Il Baffardello era un animale, il Baffardello notturno, non volava, un animale così come un gatto così”

“Andava nelle stalle, l’hanno visto, … è un affaretto nero, come… un po’ diverso dallo scoiattolo, ha una coda nera, tutto nero, due baffi lunghi”

“All’imbrunire si sentiva il Baffardello, un verso come un cavallo, più corto, era tipo un gatto credo”

“Era tipo un pipistrello… chi lo chiama pipistrello e chi lo chiama Baffardello. Perché come il pipistrello si attorciglia”

“Da piccola ho sempre sentito dire: “Baffardello mezzo topo e mezzo uccello”.”

“Il Baffardello noi lo chiamiamo Barbagianni, è un uccello”

“Il Buffardello era un uccello grosso, come un'anatra, ti montava addosso e ti toglieva il respiro.”

“Una volta mio cognato disse che una sera si sentì affogare e quando si svegliò vide un grosso uccello volar via dalla finestra chiusa”

“Alla notte veniva un animale bianco, un uccello bianco, Baffardello lo chiamavano, veniva su, faceva i versi: ”Sc….sc…”  

Allora è un animale, uccello pipistrello scoiattolo topo …? No, proprio no

“Era un nanetto: capelli piuttosto lunghi, il viso lungo e le mani pelose e bucate […] portava un berretto.”

“Il Baffardello, secondo la leggenda, era un omino alto così,  piccolo piccolo,  cattivo e dispettoso”

“Folletto, è vero lo chiamavano folletto, era come un omino piccino, piccino”

“Si diceva che il Baffardello, un uomo alto mezzo metro e con le mani bucate"

“Si narrava di un certo nanetto chiamato Buffardello, almeno qui in Garfagnana si chiama così, era un burlone, amava fare scherzi e dispetti vari, un personaggio strano, vestiva di rosso e portava uno strano cappello fatto a cono, che gli cadeva sulle spalle, tipo quello dei nanetti del bosco”

“C’era l’ometto di Solaiana, che lo vedevano lungo un fosso, era basso, basso, passava attraverso le chiudende, i recinti di legno”

“Il Baffardello dicevano… […] è un omino, rosso, che andava a fare le trecce ai cavalli e alle mucche gli faceva i boccoli. E poi dopo anche ai cristiani gli andava in cima, se dormivano voltati in su e si sentivano un peso… un peso… e era il Baffardello”

“Lei lo ha visto più piccolo, con questo cappuccio rosso, a punta, che gli arrivava fin nella schiena e, siccome a quei tempi ne parlavano, sapevano che non dovevano disturbarlo”

“Era un omino, tipo un folletto. Era una persona un po' diversa dal solito, che girava per i paesi, piccolino, che era una persona più piccolina di una persona normale.“

“Avrà avuto le mani piccoline, perché era piccolo, era un omino alto così. “

“Si diceva che il Baffardello, un uomo alto mezzo metro e con le mani bucate, andava nella stalla sotto la casa sua, facesse la treccia alla coda dei cavalli, nessuno era buono a sfarla e solo lui ci riusciva. “

“Il Baffardello] … quello lo dicevano quando tramutavano le confine. C’era questo gnomo, uno gnomo… che dicevano che c’era uno che tramutava le confine, perché ora le confine non ci sono più perché nessuno…prima c’erano ... e lui tramutava sempre le confine…”

“Il Buffardello, lo chiamavano anche Linchetto. Aveva un tridente, come un nano, come uno gnomo, col cappuccio, coi piedi lunghi, il corpo corto e questo qui, anche questo aveva le sue simpatie"

Alla mezzanotte e mezza cominciò a sentire dei passi e vide un omino piccolo piccolo e nero aprire la porta, sciogliere l' asina e accompagnarla fuori

Étapes du circuit

Commentaires

Aucun commentaire pour l'instant

Rédiger le premier commentaire
A minimum rating of 1 star is required.
Please fill in your name.