Введение

ВведениеIl Bosco Belvedere di Meolo

Только на Итальянский

2 Точки тура

  1. Информация о туре
  2. Информация о туре

    In una zona rurale anticamente occupata da foreste planiziali e paludi, il Bosco Belvedere rappresenta un’area naturalistica in cui si intrecciano pregevoli aspetti ambientali, paesaggistici e storico-culturali nelle immediate vicinanze di Meolo e Marteggia.
    Il Bosco Belvedere costituisce un prezioso esempio di patrimonio sia naturale che culturale legato alle foreste, all’acqua e agli obiettivi dello sviluppo sostenibile (Agenda 2030). È un’area boschiva di recente formazione, creata per ricomporre un lembo degli antichi boschi planiziali di pianura: le estese selve di querco-carpineto da cui le comunità locali trassero sostentamento per secoli, secondo le regole d’uso dei beni comuni, e dalle quali la Serenissima ricavava il legname per costruire le imbarcazioni.
    L’itinerario si snoda all’interno del bosco lungo il sentiero che lo attraversa longitudinalmente, da sud-ovest a nord-est e, nelle immediate vicinanze, tra il fossato campestre al limite orientale e le acque del fiume Meolo a nord. Il percorso consente di inoltrarsi nei diversi contesti che compongono quest’area e di apprezzarne le peculiarità.
    Il biotopo del Belvedere e la vicina garzaia, all’estremità sud-occidentale del bosco, rappresentano dei siti di grande interesse sotto l’aspetto della vegetazione e dell’avifauna. La roggia che delimita il bosco verso levante e l’adiacente sentiero che compone il nostro itinerario costituiscono invece un peculiare “ecotono”, posto tra la zona boschiva e la campagna: un ambiente umido ricco di biodiversità, frequentato da varie specie di fauna acquatica, da anfibi e rettili. Qui si possono ammirare pregevoli esemplari arborei autoctoni come l’Olmo, il Pruno e l’Acero campestre. Al limite settentrionale del Belvedere, la presenza della Casa del Bosco e delle acque che scorrono lungo il tratto originario del fiume Meolo, oggi divenuto canale Colatore, permettono un’ampia digressione sugli aspetti paesaggistici e storici del territorio, fra architetture rurali, ville venete e un affascinante immaginario fluviale, legato alla navigazione commerciale storica tra la città di Venezia e l’entroterra.

    Difficoltà: facile

    Lunghezza: 2 chilometri circa

    Tempo di visita: 45 minuti circa

    Guarda il trailer del video di progetto sul Bosco Belvedere

  3. 1 L'ingresso al Bosco Belvedere
  4. 2 L’apicoltura nel Bosco
  5. 3 Il Pioppo Bianco
  6. 4 La Fossa Candelara e la vicina garzaia
  7. 5 Il Fosso delle Rane Rosse
  8. 6 Il Boschetto di Olmi
  9. 7 Il Bosco di Pruno
  10. 8 L’Acero Campestre
  11. 9 Il Bosco di Robinie Storiche
  12. 10 La Rete Ecologica Veneziana
  13. 11 Il Bambuseto
  14. 12 La Casa del Bosco
  1. Информация о туре

    In una zona rurale anticamente occupata da foreste planiziali e paludi, il Bosco Belvedere rappresenta un’area naturalistica in cui si intrecciano pregevoli aspetti ambientali, paesaggistici e storico-culturali nelle immediate vicinanze di Meolo e Marteggia.
    Il Bosco Belvedere costituisce un prezioso esempio di patrimonio sia naturale che culturale legato alle foreste, all’acqua e agli obiettivi dello sviluppo sostenibile (Agenda 2030). È un’area boschiva di recente formazione, creata per ricomporre un lembo degli antichi boschi planiziali di pianura: le estese selve di querco-carpineto da cui le comunità locali trassero sostentamento per secoli, secondo le regole d’uso dei beni comuni, e dalle quali la Serenissima ricavava il legname per costruire le imbarcazioni.
    L’itinerario si snoda all’interno del bosco lungo il sentiero che lo attraversa longitudinalmente, da sud-ovest a nord-est e, nelle immediate vicinanze, tra il fossato campestre al limite orientale e le acque del fiume Meolo a nord. Il percorso consente di inoltrarsi nei diversi contesti che compongono quest’area e di apprezzarne le peculiarità.
    Il biotopo del Belvedere e la vicina garzaia, all’estremità sud-occidentale del bosco, rappresentano dei siti di grande interesse sotto l’aspetto della vegetazione e dell’avifauna. La roggia che delimita il bosco verso levante e l’adiacente sentiero che compone il nostro itinerario costituiscono invece un peculiare “ecotono”, posto tra la zona boschiva e la campagna: un ambiente umido ricco di biodiversità, frequentato da varie specie di fauna acquatica, da anfibi e rettili. Qui si possono ammirare pregevoli esemplari arborei autoctoni come l’Olmo, il Pruno e l’Acero campestre. Al limite settentrionale del Belvedere, la presenza della Casa del Bosco e delle acque che scorrono lungo il tratto originario del fiume Meolo, oggi divenuto canale Colatore, permettono un’ampia digressione sugli aspetti paesaggistici e storici del territorio, fra architetture rurali, ville venete e un affascinante immaginario fluviale, legato alla navigazione commerciale storica tra la città di Venezia e l’entroterra.

    Difficoltà: facile

    Lunghezza: 2 chilometri circa

    Tempo di visita: 45 minuti circa

    Guarda il trailer del video di progetto sul Bosco Belvedere

Отзывы

Отзывов пока нет

Написать первый обзор
A minimum rating of 1 star is required.
Please fill in your name.