音频游览

音频游览Un tuffo a San Benedetto del Tronto

只有 荷兰语 意大利语

2 游览停留

  1. 语音导览概要
  2. 语音导览概要

    Sull'origine non si hanno certezze e, in attesa di ulteriori studi sui ritrovamenti, continuiamo ad accreditare l'ipotesi di un nucleo sorto attorno ad una chiesa che avrebbe ospitato le spoglie di San Benedetto martire, soldato romano martirizzato nell'antica Cupra (poi Cupra Marittima). Del nucleo abitativo di San Benedetto, definito come Plebs Sancti Benedicti in Albula, dal nome del santo protettore e titolare della chiesa omonima, nonché del torrente che tuttora l'attraversa, si hanno tracce dall'anno 998 in un atto relativo all'investitura del beneficio dei S. Vincenzo e Anastasio in territorio di Acquaviva Picena da parte di Uberto, vescovo di Fermo. Il turismo rappresenta la voce più importante delle entrate cittadine. San Benedetto si è affermata, fin dai primi decenni del Novecento, come una delle più note e apprezzate stazioni balneari italiane. A partire dalla seconda metà degli anni sessanta, si è imposta anche come la prima meta turistica delle Marche per numero di presenze. Durante l'estate San Benedetto, triplica e a volte quadruplica i suoi abitanti, può raggiungere una popolazione giornaliera compresa tra i 150.000 e 200.000 abitanti tra turisti alloggiati nelle strutture ricettive e pendolari. Nel 2014, per la prima volta, è risultata la seconda meta turistica per numero di presenze solo dopo Senigallia.

    Vanta la Bandiera Blu della Comunità Europea e investe nel promuovere e nel consolidare un'immagine acquisita ormai non solo a livello nazionale. Tale immagine è veicolata, da circa un decennio, con il marchio "Riviera delle Palme", nome che, accomunandoli sotto la stessa Azienda di Promozione Turistica, ingloba anche gli altri due paesi rivieraschi della parte più meridionale del Piceno, Grottammare e Cupra Marittima, oltre ad alcuni paesi dell'entroterra sambenedettese, Offida, Monteprandone, Acquaviva Picena, Ripatransone e al comune laziale di Accumoli (entrato a far parte del consorzio nel 2008). La consistenza ricettiva, tra esercizi alberghieri e appartamenti è notevole: San Benedetto del Tronto vanta oltre 200 esercizi tra alberghi, residence e B&B; vanno aggiunti 150 stabilimenti balneari e 42 spiagge libere lungo il litorale sambenedettese. La vicinanza di San Benedetto del Tronto a verdeggianti colline del Piceno con importanti borghi di origine medievale, permette interessanti escursioni per gli appassionati d'arte, di storia e di enogastronomia, nel raggio di pochi chilometri.

  3. 1 Pesca Sanbenedettese
  4. 2 Festa della Madonna della Marina
  5. 3 La leggenda de "Lo scijo"
  6. 4 Museo d'arte sul Mare MAM
  7. 5 Il Torrione
  8. 6 Casa del vento
  1. 语音导览概要

    Sull'origine non si hanno certezze e, in attesa di ulteriori studi sui ritrovamenti, continuiamo ad accreditare l'ipotesi di un nucleo sorto attorno ad una chiesa che avrebbe ospitato le spoglie di San Benedetto martire, soldato romano martirizzato nell'antica Cupra (poi Cupra Marittima). Del nucleo abitativo di San Benedetto, definito come Plebs Sancti Benedicti in Albula, dal nome del santo protettore e titolare della chiesa omonima, nonché del torrente che tuttora l'attraversa, si hanno tracce dall'anno 998 in un atto relativo all'investitura del beneficio dei S. Vincenzo e Anastasio in territorio di Acquaviva Picena da parte di Uberto, vescovo di Fermo. Il turismo rappresenta la voce più importante delle entrate cittadine. San Benedetto si è affermata, fin dai primi decenni del Novecento, come una delle più note e apprezzate stazioni balneari italiane. A partire dalla seconda metà degli anni sessanta, si è imposta anche come la prima meta turistica delle Marche per numero di presenze. Durante l'estate San Benedetto, triplica e a volte quadruplica i suoi abitanti, può raggiungere una popolazione giornaliera compresa tra i 150.000 e 200.000 abitanti tra turisti alloggiati nelle strutture ricettive e pendolari. Nel 2014, per la prima volta, è risultata la seconda meta turistica per numero di presenze solo dopo Senigallia.

    Vanta la Bandiera Blu della Comunità Europea e investe nel promuovere e nel consolidare un'immagine acquisita ormai non solo a livello nazionale. Tale immagine è veicolata, da circa un decennio, con il marchio "Riviera delle Palme", nome che, accomunandoli sotto la stessa Azienda di Promozione Turistica, ingloba anche gli altri due paesi rivieraschi della parte più meridionale del Piceno, Grottammare e Cupra Marittima, oltre ad alcuni paesi dell'entroterra sambenedettese, Offida, Monteprandone, Acquaviva Picena, Ripatransone e al comune laziale di Accumoli (entrato a far parte del consorzio nel 2008). La consistenza ricettiva, tra esercizi alberghieri e appartamenti è notevole: San Benedetto del Tronto vanta oltre 200 esercizi tra alberghi, residence e B&B; vanno aggiunti 150 stabilimenti balneari e 42 spiagge libere lungo il litorale sambenedettese. La vicinanza di San Benedetto del Tronto a verdeggianti colline del Piceno con importanti borghi di origine medievale, permette interessanti escursioni per gli appassionati d'arte, di storia e di enogastronomia, nel raggio di pochi chilometri.

评论

4 评论

审查该游览
A minimum rating of 1 star is required.
Please fill in your name.
  • Christopher

    5 out of 5 rating 06-11-2019

    This is a very good work

  • Alessia

    5 out of 5 rating 06-11-2019

    Bellissimo

  • Noemi

    5 out of 5 rating 06-11-2019

    stupendo

  • Gloria

    5 out of 5 rating 06-11-2019

    Magnifico !